Willington Mill e la donna fantasma

di Marina Commenta

Questo è un altro caso su cui la SPR inglese pubblicò una relazione nel 1891, quando ebbero accesso al diario del protagonista della storia, che fino a quel momento aveva preferito non divulgarla. Gli avvenimenti erano però accaduti qualche decennio prima.

Il luogo di cui si parla è la residenza adiacente a Willington Mill, vicino a Tyneside nel Nord dell’Inghilterra ed ebbero inizio nel 1834. Una famiglia di quacheri abitava nella casa, i Procter, il diario era del signor Procter, il capofamiglia.

Tutte persone che abitavano nella casa però ebbero modo di affermare che avevano sentito, passi, lamenti, voci, fischi e il ticchettio di un orologio che veniva caricato. Non mancavano il pestare di piedi e gli oggetti che improvvisamente cominciavano a muoversi.

Anche un vicino di casa affermò di aver visto, attraverso una finestra, una figura trasparente di donna, uno spirito. In seguito si venne a scoprire che era lo stesso fantasma che appariva ai membri della famiglia Procter.

Le apparizioni si susseguirono per sei lunghi anni fino a che un medico locale, il dottor Edward Drury, chiese al signor Procter di potersi fermare nella casa per la notte, mentre la famiglia era assente, e di poter provare che quei rumori avevano una ragione ben più logica di essere.

Il padrone di casa accettò e il dottore si preparò a trascorrere la notte nell’edificio insieme ad un amico, il signor Hudson. Era il luglio del 1840 e i due erano armati di pistole. Dopo nemmeno un quarto d’ora dal loro arrivo iniziarono a sentire passi affrettati muoversi per la casa, poi rumori e tosse che cessarono poco dopo.

Nel silenzio Hudson si addormentò e Drury rimase sveglio a fare la guardia. Ad un certo punto vide la porta di uno stanzino aprirsi e una sagoma trasparente di donna uscirvi e andare verso di lui. Indossava un abito grigio e procedeva a testa bassa.

Drury gridò dallo spavento e cadde addosso all’amico addormentato che naturalmente si svegliò e portò il dottore al piano di sotto, preda di un attacco di puro terrore in seguito al quale poi Drury si addormentò. Dormì per tre ore di fila e al risveglio non ricordava nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>