Storie di fantasmi gentili

di Marina Commenta

In genere quando si hanno esperienze che risultano inspiegabili e per cui la gente ci etichetterebbe come un pò “matti” non le si racconta facilmente o perlomeno solo a chi pensiamo degno di stima e fiducia.

A nessuno piace esser preso come una persona scarsa di intelligenza, facilmente suggestionabile o un pò fuori dagli schemi, ma per chi amasse questo particolare campo, avesse visto un fantasma o avrebbe piacere a leggere delle storie… qui le può trovare!

Aldilà dell’oceano ci sono molte più possibilità di entrare a far parte di congregazioni che raccolgono persone con esperienze simili, si trovano anche siti che, in inglese, riportano esperienze paranormali, come quella che vi racconto oggi la cui protagonista è una ragazza che si dice piuttosto scettica.

Racconta che quando leggeva di persone che avevano visto fantasmi non ci credeva molto, anche se era convinta esistesse un mondo parallelo, o vicino al nostro. La ragazza narra di aver visto, durante la notte, tre sfere di luce  muoversi nella sua camera da letto e poi andarle vicino.

Dopo un pò le tre sfere sono come esplose per trasformarsi in esseri di luce di cui erano visibili solamente i contorni. Erano asessuate e anche se le parlavano non avevano alcune inflessione maschile o femminile.

Prima l’hanno chiamata più volte per nome poi le hanno detto che il suo fratello più piccolo non stava bene e aveva bisogno del suo aiuto. la ragazza è corsa nella camera del fratellino al piano di sotto e l’ha trovato in lacrime.

Piangeva per il terribile dolore ai polmoni. Lei è andata a svegliare i genitori ed hanno chiamato il medico di famiglia che diagnosticò un male infantile, ma molto grave. l bimbo dormiva in una camera isolata e difficilmente l’avrebbe sentito qualcuno.

Dopo questa esperienza la ragazza ne ha avute altre, però solo sotto forma di voce, che l’hanno aiutata ad affrontare pericoli e difficoltà della vita, per questo li chiama i fantasmi disponibili, perchè aiutano.

fonte | yourghoststories

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>